Storia

La diga del Vajont, l’alluvione di Firenze, l’incidente chimico a Seveso, il terremoto a L’Aquila e nel Centro-Italia: sono solo alcuni degli eventi drammatici presenti in questa sezione in cui i Vigili del fuoco hanno partecipato sempre in prima linea per portare soccorso alle persone colpite da calamità.

Le immagini pubblicate su questo sito sono di proprietà del Corpo nazionale dei Vigili del fuoco. È concesso l’uso gratuito delle stesse per finalità d’informazione e pubblicazione, mantenendo il logo dei Vigili del fuoco
The images published on this site are owned by the National Fire Brigade. Free use of the images is allowed for the purpose of information and publication, maintaining the Fire Brigade logo


Incidenti Navale Moby Prince e Haven

La sera del 10 aprile al largo del porto di Livorno si consuma la più grande tragedia che abbia colpito la marina mercantile italiana dal secondo dopoguerra. Il traghetto Moby Prince in servizio sulla tratta Livorno-Olbia con 140 persone a bordo entra in collisione con una petroliera: l’incendio conseguente allo scontro provoca la morte di tutti i passeggeri, si salva solo un componente dell...

Incidente Aereo Istituto Salvemini

La mattina del 6 dicembre 1990 alle ore 10:36 un aviogetto da addestramento Aermacchi MB-326 MM54386/65 partito dall' aeroporto di Verona-Villafranca alle 8:40 circa perse il controllo sopra l'abitato di Casalecchio di Reno. Il tenente Bruno Viviani di 24 anni, pilota e unico membro dell'equipaggio, resosi conto che l'aereo era divenuto ingovernabile, lo abbandonò lanciandonsi con il seggiolino...

Incendi boschivi Tempio Pausania (OT)

Nell’agosto del 1989 il Nord Sardegna è flagellato da grossi incendi di macchia mediterranea alimentati dal forte vento di maestrale. Alla fine del mese si conteranno 19 morti causati dalla furia del fuoco, 13 dei quali nella sola giornata del 28 agosto a seguito del devastante rogo che ha interessato una vasta area tra il golfo di Cugnana e la Costa Smeralda. Tanti i Vigili del fuoco impegnati,...

Frana Valtellina

18 luglio 1987, 305 i millimetri di pioggia in un solo giorno: un quarto di tutta l'acqua che solitamente cade nella valle in un anno intero. Attorno alle 7.30 la frana si materializza: un'intera fetta di montagna, circa quaranta milioni di metri cubi, precipita da 200 metri d'altezza sui paesi limitrofi ricoprendo, sotto tonnellate di roccia e fango, tre chilometri e mezzo di valle. La forza...

Frana in Val Pola

E' il 28 luglio 1987 quando una frana si sviluppa nella Val Pola abbattendosi sui comuni di Morignone, Sant' Antonio, Aquilone, Foliano, Castellaccio, San Martino e Plegne.

Frana Val di Stava

Il 19 luglio 1985, alle 12.22, il crollo delle discariche della miniera di Prestavel provoca una immensa frana che sconvolge la valle del rio Stava, 180 mila metri cubi di fango ed acqua percorrono la valle alla velocità di circa 90 chilometri all'ora, uccidendo 268 fra uomini, donne e bambini e provocando danni per decine di miliardi. La tragedia della val di Stava è la più grave catastrofe...

Alfredino Rampi a Vermicino

Il 10 giugno del 1981 il piccolo Alfredo Rampi, un bambino di 6 anni, cade in un pozzo artesiano in disuso. I Vigili del fuoco, arrivati nel giro di pochi minuti, si mettono subito al lavoro. Purtroppo le operazioni di soccorso si rivelano estremamente difficili: la voragine presentava un’imboccatura larga 28 cm, una profondità complessiva di 80 metri e pareti irregolari, piene di sporgenze e...

Sisma Irpinia

Il 23 novembre un fortissimo terremoto investe un'area di 17.000 Kmq. Le cifre della tragedia sono pesantissime: 2.914 i corpi recuperati, 10.000 i feriti, 280.000 i senzatetto. I Vigili del fuoco intervengono sul territorio con 4.300 unità ed oltre 1.000 automezzi in soccorso dei cittadini.

Strage Stazione Bologna

Sono le 10.25 del 2 agosto 1980. Una bomba posta nella sala d’aspetto della stazione centrale di Bologna provoca una devastante esplosione causando la morte di 85 persone e il ferimento di altre 200. Ai Vigili del fuoco il triste compito di portare i primi soccorsi.

Incidente Chimico Seveso

Il 10 luglio vengono impegnati a Seveso a causa di una nuvola di diossina che, dopo esser fuoriuscita da uno stabilimento chimico, contamina il territorio circostante. Dall’aria irrespirabile e dal bruciore agli occhi delle prime ore, si passa ai casi di ustione sulla pelle e ai ricoveri in ospedale nei giorni successivi. Quindici giorni dopo l'incidente venne ordinata l'evacuazione della zona,...